Ronaldo fenomeno

Ronaldo Nazario Da Lima

Il Bambino che stupiva con dribbling, forza, velocità, senso del gol e che voleva restare tale.

Sono sincero, al netto degli infortuni, è stato il più forte giocatore della Storia del Calcio scritta fino a questo momento. Un brasiliano plasmato in Olanda, consacrato in Spagna, divinizzato in Italia e ucciso da esigenze più grandi di lui e del suo carattere. Vedere giocare Ronaldo, dal vivo, è stato uno shock. Nessun giocatore, che non fosse della mia squadra cuore, mi ha regalato quella scossa elettrica che Lui è riuscito a darmi.

Lui non partiva palla al piede, lui lacerava. Lui non tagliava, strappava. Ma sempre in modo educato, in modo sartoriale.

Cuciva senza ago e filo l’abito dei difensori. Ne prendeva le misure, li affrontava, li denudava del loro ruolo ma non li umiliava. Perché il difensore che giocava contro Ronaldo non si sentiva in difficoltà, sapeva che prima o poi durante la partita sarebbe stato puntato e superato.

Però ogni di loro lasciava comunque il segno, il prezzo del cliente. E in un calcio in cui non si tutelavano le scelte offensive come quello di oggi, in cui le tasse dei difensori erano molto più basse e le prestazioni degli attaccanti in campo dovevano fare i conti con meno accortezze e più ostacoli, in cui l’esasperazione mediatica non era commisurata al lavoro sul campo, Ronaldo fu vittima della sua non descrivibile forza.

Nello Sport ha rappresentato un Semidio. L’Uomo che scopre di avere tratti di una Divinità, la Divinità che distrugge i tratti dell’Uomo con i suoi super poteri.

Ronaldo Nazario da Lima è il traghettatore del Calcio Globale verso quello televisivo e pubblicitario, il viso normale che resta sempre giovane, l’alieno buono sulla terra dei cattivi, attraverso un calcio esplosivo, spumeggiante, tecnico e probabilmente più compatibile e comprensibile oggi che 20 anni fa.

Continua a leggere

Consigli
supercompensazione
Supercompensazione
Consigli
la partita trellini

Commenta il post

avatar
  Notifiche  
Notificami