in

Il Maledetto United

Brian Clough David Peace Il Maledetto United

Una storia che nasce da un’ossessione, da una vendetta, dalla voglia di essere numero 1, una storia che nasce da un’esonero. 

E forse è stato proprio questo che mi ha affascinato di più

Perché, per chi non lo sapesse, Brian Clough è stato il primo vero Special One della Storia del Calcio Inglese ma prima di diventarlo 

Arrivare a scegliere chi si odia per 44 giorni. Quelli che trascorse Brian Clough sulla panchina del Leeds United nella stagione 74-75. 

Una Squadra ache principalmente odiava.

Un allenatore arrogante e geniale, che rivoluzionò letteralmente il modo di comunicare in un paese che nello sport era radicato nelle tradizioni e nei costumi, diventando appunto il primo e vero Special One della Storia del calcio.

“NON DIREI DI ESSERE IL MIGLIOR ALLENATORE AL MONDO, MA SONO SICURAMENTE NELLA TOP ONE.”

“Il Maledetto United” è un libro veloce, pieno di curiosità e dialoghi coinvolgenti, nel quale non sempre si prendono le parti di Clough e non sempre si comprendono le scelte ecclettiche, insensate e presuntuose di un allenatore che ha fatto del suo ego l’arma principale per ottenere i successi.

Chissà se queste caratteristiche servissero a deviare le attenzioni su di se per far lavorare la squadra senza pressioni o forse solo semplicemente ambire ad ottenere la vittoria in ogni modo possibile, solo per stesso.

Cosa ne pensi del post?

14 Points
Upvote Downvote

Articolo scritto da Matteo Schiavone

Maturità scientifica, centrocampista non sufficientemente abile per fare il professionista con continuità, laureato in Scienze Motorie e specializzato in Management dello sport, Allenatore di Calcio e Calcio a 5 (Futsal ci piace di più) dal 2007, appassionato di Storia, Musica e Cinema con scarse attitudini allo studio ma spiccate inclinazioni alla curiosità.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Italia Svezia 2017

Mondiali, occasione che diventa opportunità

Maradona e Rummenigge

Incontro mondiale