Un libro che mi ha toccato qualche anno fa.

Lo ha fatto grazie alle parole ma soprattutto alla verità. Ma la cosa più importante è quello che mi ha scatenato dopo, cioè le domande.

“Quanto sia importante perdonare e quanto sia decisiva la credibilità di uno sport, che una volta persa è incredibilmente difficile acquisire nuovamente.”

Poi mi sono accorto, ma forse già lo sapevo, che il Ciclismo esce da questo quadro normale e Danilo di Luca in collaborazione con Alessandra Carati me ne da ulteriore conferma.

Di Luca ci racconta la sua vita non solo la sua carriera, le sue scelte, i suoi errori, le sue vittorie e le sue sconfitte e vedere uno sportivo di livello assoluto aprirsi dopo che non ha più nulla da perdere (ricordiamo che è stato radiato nel 2013) non è solo un tentativo di riabilitazione ma il mezzo per capire cosa sia accaduto oltre lui.

Al mondo del ciclismo ed a tutti i suoi attori.

Di Luca ci racconta quanto sia difficile emergere e quali compromessi scegliere in uno sport fatto di fatica e pazzia, e quanto le scelte possano condizionare il percorso e quanto il percorso stesso condizioni la vittoria finale.

Lettura facile, scorrevole e nella più banale delle situazioni ci fa porre la domanda, perché seguire ancora il Ciclismo?

Perché il Ciclismo non solo uno sport, è cultura e malattia che la maggior parte delle persone sanno di poter curare e tenere sotto controllo trasformandola in passione mentre altri si fanno sopraffare

Perché fa parte di noi più di quello che pensiamo e più di quello che vorremmo.

➡ Acquistalo su Amazon o su Piemme

 

voto
Article Rating

Commenta con Facebook

Ricevi i post in anteprima!

Iscriviti alla newsletter di Nati Sportivi e ricevi post e notizie prima degli altri

Wow, grazie per esserti iscritto!

Something went wrong.

Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
badge blog sportivo dell'anno 2019
0
Lascia un commento, sono curioso di sapere la tua opinionex
()
x
Send this to a friend