in

Calcismo

Un paese che vive di calcio, per il calcio, con il calcio, e su alcuni punti di vista dal calcio.

È provato statisticamente che la seconda domanda che riceve o pone un bambino nel momento in cui ne conosce un altro è “di che squadra sei?”.

Questo a prescindere dallo sport praticato o dagli interessi collaterali.

La dimensione non è più quella del semplice sport e di appassionati, ma di evento sociale discriminante e seguaci, che influenza la vita, direttamente o no, di quasi tutte le generazioni, dal nonno che ricorda i suoi tempi, dal papà che si barcamena tra ciò che era sbagliato qualche anno fa e non comprende ciò che è giusto oggi sino ad arrivare al giovane che si evolve in un modo che sta cambiando troppo rapidamente dietro le nuove tecnologie.

Non parliamo più di Calcio, ma di Calcismo.

E se per chi ne fruisce, o perlomeno per chi sceglie, per chi si informa o vuole formarsi, per chi decide per se stesso può essere più o meno giustificato, per chi forma e informa non lo è.

Chi forma deve mettersi nelle condizioni di generare strumenti (basandosi su principi e valori forti e condivisi) che consentano poi a chi si sta formando di poter scegliere non piegandosi all’interesse comune solo ed esclusivamente per generare consenso.

Come se un professore di educazione fisica basasse il suo programma didattico solo ed esclusivamente sul calcio poiché oramai elemento condizionante della società italiana.

Chi informa al tempo stesso dovrebbe produrre notizie e indicazioni presentandole al pubblico con il corretto peso specifico e non creare contenuti che il pubblico acquisisce come unica fonte d’interesse.

Chi legge ha il diritto-dovere di non potersi informare e formare, questa responsabilità ricade su stesso e sulle sue azioni.

Chi scrive, chi informa, chi forma ha il diritto di farlo liberamente ma il dovere di farlo correttamente, non nella semplice forma ma nella sostanza.

Non si vive di solo Calcio

Qualche giorno fa è stato uno dei più scintillanti della storia recente dello sport italiano, nel quale

  • Francesco Molinari conquistava nel Golf uno dei trofei più antichi al mondo
  • Mara Navarria vinceva i Mondiali di Spada
  • Fognini e Cecchinato si confermavano tennisti di caratura internazionale
  • Elena Vallortigara con una sua grande prestazione si avvicinava sempre di più alle regine del salto in alto Sara Simeoni e Antonietta Di Martino
  • Il Settebello continuava la sua ascesa verso le semifinali.

Temi che andavano presentati in modo diversi e che dovevano essere cavalcati successivamente.

Pensavo potesse bastare. Invece no.

Vivremo benissimo anche solo con il Calcismo (me compreso..) ma uno che lo conosce bene dice

“Chi sa solo di Calcio, non sa niente di Calcio.”

Essere meno calcisti farà bene al Calcio stesso, dal nonno al papà, dal professore all’allievo, dal giornale alla cultura.

Fidatevi, fidiamoci.

Cosa ne pensi del post?

14 Points
Upvote Downvote

Articolo scritto da Matteo Schiavone

Maturità scientifica, centrocampista non sufficientemente abile per fare il professionista con continuità, laureato in Scienze Motorie e specializzato in Management dello sport, Allenatore di Calcio e Calcio a 5 (Futsal ci piace di più) dal 2007, appassionato di Storia, Musica e Cinema con scarse attitudini allo studio ma spiccate inclinazioni alla curiosità.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Francia Campione del mondo 2018

поздравления и поцелуи (Saluti e Baci)

Duello Coppi Bartali

La magia dei duelli