È il mercato che fa il valore o è il valore che serve ai mercati per non perdere il proprio?

Questa è una disquisizione che coinvolge tutte le sfere della società moderna e come tale ha investito anche il mondo del Calcio che, all’epoca del Coronavirus, sta iniziando, o ha già iniziato a farlo da un po’, a cercare di rispondere alla domanda.

Lo spunto arriva dall’interessante e dettagliato articolo del Blog L’Insider (https://blog.betway.it/calcio/valore-mercato-calciatori-senza-sport/) che fa una panoramica delle diversa svalutazioni dei calciatori più in vista del panorama europeo e che nel corso di queste ultime stagioni sono stati oggetti di scambio o vendita, di passaggio e semplice valutazione tra lo stupore e lo sgomento popolare per le cifre del cartellino ma a totale conferma che il football è ormai figlio non solo della disciplina stessa ma di dinamiche molto più grandi.

Vulnerabilità e Svalutazione del Calcio

Il Coronavirus però ha colpito ogni cosa ed ha reso vulnerabile anche il sistema calcio che nei suoi tanti difetti e controsensi appariva essere una Bengodi dei mercati finanziari, in crescita ed in ascesa nell’interesse generale e nella sempre più globale strutturazione dei suoi protagonisti, non solo calciatori ma anche e soprattutto attori senza scarpini e numeri sulle spalle.

E allora mi risulta difficile pensare che le valutazioni dei giocatori possano essere ricondotte solo attraverso parametri di tipo sportivo come in maniera assolutamente autorevole hanno cercato di fare CIES Football Observatory, Transfermarkt e KPMG.

LEGGI ANCHE:  Vincere non è importante, è l'unica cosa che conta

Come cita l’Insider “Il CIES Football Observatory tiene conto di diverse variabili quali l’età del giocatore, la durata del suo contratto, le prestazioni sportive, l’andamento della sua carriera e il livello economico e sportivo del club in cui milita. Transfermarkt, al contrario, si basa maggiormente su un forte coinvolgimento della community, fulcro delle valutazioni dei singoli calciatori.

L’analisi di KPMG si avvicina invece maggiormente a quella del CIES, e tiene conto anche della posizione in campo dei calciatori, dei minuti giocati e della loro importanza all’interno delle squadre in cui militano.”

Valore del Mercato e strategie

Mbappe nonostante la chiusura anticipata del Campionato Francese perde potenzilamente meno degli altri ed i più i giovani come Joao Felix e Manè reggono grazie all’età.

Tutti tracciano una svalutazione media del 20% circa che tiene conto di diverse variabili calcistiche ma che non li configura nel contesto generale.

Allora si ritorna alla domanda di partenza.

È il mercato che fa il valore o è il valore che serve ai mercati per non perdere il proprio?

LEGGI ANCHE:  Calcismo

Perché la Premier League insegna che il sistema genera valore ed il valore genera il mercato, dandoci la risposta e la conferma.

Il calcio, nel suo sistema complesso e non solo nelle valutazione dei cartellini, non vuole perdere il suo scettro e sta cercando di contenere le perdite, che comunque saranno onerose e in alcune occasioni gravi.

Poi, tornando al campo, uno degli aspetti più interessanti e divertenti sarà sicuramente il calciomercato che vedremo, dove la fantasia, l’astuzia e le opportunità saranno come sempre protagoniste ma che dovranno fare i conti (a tutti gli effetti…) con chi avrà il potere, la solidità e l’intelligenza di aspettare e sorprendere sia gli avversari sia gli agenti.

Chi soffrirà di più? Come sempre chi deve combattere da solo per arrivare alla fine dell’anno, gli Allenatori.

5 1 voto
Article Rating

Commenta con Facebook

Ricevi i post in anteprima!

Iscriviti alla newsletter di Nati Sportivi e ricevi post e notizie prima degli altri

Wow, grazie per esserti iscritto!

Something went wrong.

Notifiche
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
badge blog sportivo dell'anno 2019
0
Lascia un commento, sono curioso di sapere la tua opinionex
()
x
Send this to a friend